JENUS O GESU’: QUAL’ É PER NOI LA VERITÁ?

jenus-numero1-251x300È arrivato Jenus, il nuovo fumetto che avrebbe per protagonisti niente meno che figure bibliche di spicco quali Gesù, Dio e persino l’Agnello di Dio. L’idea sarebbe ottima, se l’autore non avesse deciso di farne una satira, distorcendo la verità e riempiendo di blasfemia la sua opera. Dio viene descritto come un padre distratto e pasticcione, Gesù diventa un giovincello qualunque, con enormi poteri che non sa controllare e con un linguaggio sguaiato e irrispettoso, l’Agnello di Dio non sarebbe più un modo per definire Cristo, ma un agnello in carne ed ossa che cerca di riportare sulla dritta via il Figlio di Dio. L’autore afferma, infatti, che le innumerevoli modifiche apportate nei Testi Sacri nel corso dei secoli avrebbero alterato la verità. I testi biblici più antichi, quelli del Mar Morto, ritrovati qualche anno fa, smentiscono ciò, così come la lettura della Parola di Dio contrasta nettamente con quanto descritto nel fumetto.

La casa di Dio, secondo “Don Alemanno”, l’autore del fumetto, sarebbe una piramide che, come specifica lui stesso, non è una forma casuale, poiché la piramide è il simbolo per eccellenza di sette quali quelle degli illuminati e della massoneria. Ciò che risulta essere più grave è che “Don Alemanno”, che tanto “don” non sembra, data l’enorme presa in giro che riserva alla chiesa, ha rappresentato in poche pagine i gusti di una generazione che sembra aver perso di vista ogni valore e ogni timore, persino quello verso Dio.

Senza più punti saldi, i giovani si lasciano spesso contaminare dal mondo della droga e dell’alcool, cercando lì certezze e punti di riferimento che non potranno mai trovare. Credono che non esista una Verità e che si debba spremere fino al midollo l’esistenza, cercando di ricavare da essa quanto più “divertimento” ed esperienze possibili. Il problema è che spesso tali esperienze sono negative e il divertimento provato si esaurisce in un brevissimo lasso di tempo, lasciando poi soltanto vuoto e confusione. Tutti rifuggono i buoni valori e il moralismo, ma sono poi spogli di amore e di felicità. Proprio nel libro che più di tutti incarna ciò che considerano “passato” e “inutile”, si trova invece la chiave di quell’ Amore di cui tanto hanno bisogno.

Molti che hanno deciso, dopo aver toccato il fondo, di sperimentarne la potenza, hanno cambiato radicalmente le loro vite e, oggi, riescono a sorridere sinceramente senza avere più alcuna radice di amarezza nel cuore. In esso è racchiusa la Verità: perché, dunque, non leggere le pagine del Nuovo Testamento, per conoscere chi è realmente Dio e Suo Figlio, prima di dedicarsi alla lettura di qualsiasi altro testo che pretende di descriverne le caratteristiche principali? Provate … e crederete!

 https://www.facebook.com/notiziedalfronte

Taggato con: , , , , ,

Lascia un commento