Amare i nemici

In un carcere comunista, dove erano tenuti prigionieri alcuni cristiani per la loro testimonianza, un giorno arrivò un altro prigioniero tutto insanguinato per le percosse ricevute. I fratelli si chiedevano chi potesse essere il loro fratello, ridotto in quello stato di sofferenza. Quando lo videro bene in faccia, essi si accorsero con gran sorpresa che quell’uomo era nientemeno che il loro carnefice e  li aveva percossi con odio e furore con la sua frusta. Che sorpresa incredibile! Ma cosa era successo?

Pochi giorni prima si era presentato nel suo ufficio un fanciullo con un fiore in mano. Rivolgendosi a lu disse:” Signore, ogni anno nel giorno del compleanno di mia madre le compro un fiore e glielo regalo per farla felice. Purtroppo quest’anno lei l’ha imprigionata per la sua fede,ma la mia mamma che ama Gesù , mi ha insegnato ad amare i nostri nemici. Per favore, prenda lei questo fiore e lo dia a sua moglie che sicuramente sarà anche una madre”.

Quelle parole e quel gesto sciolsero il cuore di un uomo così duro, che da carnefice divenne vittima  per testimoniare l’amore di Dio in Cristo Gesù.

Quando c’è l’amore di Dio nei cuori, esso illuminerà le anime perdute , anche quelle che sono nelle tenebre più fitte. Gloria a Dio.

 

 

Taggato con: , , , , , , , , , ,

Lascia un commento